Condanna a morte per gli assassini di Mons. Locati

 

Giovedì 6 novembre padre Peter Guyo Malley, un sacerdote cattolico della diocesi di Isiolo (Kenya) e altri quattro complici, sono stati condannati a morte per l’omicidio del vescovo Mons. Luigi Locati avvenuto il 14 luglio 2005.

Mons. Luigi Locati vescovo di Isiolo è stato ucciso, spiega il giudice, a causa dei contrasti con il sacerdote. Il movente dell’omicidio attuato dal presbitero e dai suoi quattro complici sarebbe stato impossessarsi delle donazioni finanziarie della diocesi e avere il controllo delle risorse dopo il ritiro del vescovo, che sarebbe avvenuto entro l’anno.
Secondo il pubblico ministero l’uso improprio dei fondi della diocesi era diventato lo scopo primario di padre Peter Guyo Malley, che, dopo essere stato scoperto da Locati, non voleva accettare di non poter più amministrare i beni della diocesi “a modo suo”.
Nella sentenza il giudice afferma: “Il sacerdote programmò, finanziò, organizzò e reclutò i complici che avrebbero poi eseguito il piano di uccidere il vescovo”.
In realtà, la condanna a morte ha una valenza puramente formale, in quanto in Kenya dal 1987 le pene capitali vengono commutate in ergastolo.
Nella tragedia se ne aggiunge un’altra: al momento della lettura della sentenza, la vecchia mamma di padre Peter cade a terra stroncata da un infarto.

Posted in News Vercelli | Commenti disabilitati

Tradizionale appuntamento per la Veglia Missionaria alla parrocchia San Bernardo in Vercelli

Veglia Missionaria 2014

Presieduta per la prima volta da mons. Marco Arnolfo, nella sede ormai tradizionale della parrocchia di San Bernardo, per i vercellesi il Santuario della Madonna degli Infermi, sabato 18 ottobre si è tenuta la veglia di preghiera e riflessione in preparazione della Giornata Missionaria Mondiale 2014.

Tanti amici delle missioni, provenienti per la maggior parte dalla città, ma anche numerosi rappresentanti delle parrocchie diocesane si sono trovati ad ascoltare le numerose testimonianze di missionari che hanno scandito il ritmo dell’incontro stesso.

La partecipazione alla celebrazione è stata aiutata dal testo base che è stato distribuito a tutti i presenti; ad animare con il canto la celebrazione stessa era presente la Corale del Belvedere in cui spiccava anche una sezione ritmica condotta con strumenti tradizionali africani da amici immigrati dal Togo, e una semplice ma efficace scenografia che richiamava i simboli della Veglia stessa.

Dopo l’ascolto della parola di Dio la prima ed organica  testimonianza sul tema delle "periferie cuore della missione" è stata offerta ai presenti da padre Gigi Anataloni, attualmente direttore della rivista Missioni Consolata e missionario per anni in Kenya. Con parole vibranti ha ricordato ai presenti il sacrificio continuo dei missionari in tutte le più sperdute periferie del mondo per rendere incessantemente presente la chiamata di Cristo ad ogni uomo, nella sua persona e nella sua storia, nelle sue gioie e nelle sue sofferenze, nelle sue vittorie e nelle sue miserie, affinchè la preghiera del "Padre nostro" sia sempre più vera da qualsiasi angolo della terra possa levarsi.

Sono poi seguite le testimonianze di tre suore di due congregazioni femminili vercellesi che da anni servono in alcune parti del mondo le missioni in prima linea: la Congregazione  della Congregazione delle Figlie di Sant’Antida e la congregazione delle Suore di Loreto. Hanno offerto per prime la loro testimonianza le sorelle delle Suore di Loreto, Suor Maria Luisa, italiana impegnata in Kenya e una sorella keniota, Suor Damaris, che lavora in Italia a dimostrazione, concreta e visiva, che la missione oggi è dappertutto anche se ogni luogo conserva le sue caratteristiche e i suoi problemi tipici, ma in una dinamica di sempre maggior coinvolgimento e globale partecipazione. A seguire la testimonianza dal Ciad di una figlia di Santa Giovanna Antida, Suor Maria Grazia, che ha condiviso coi presenti l’esperienza personale. Essere in missione vuol dire partecipare alla vita della gente, condividerne e caricarsi sulle spalle i problemi soprattutto dei poveri e dei più deboli.

A conclusione di queste testimonianze gli interventi di tre giovani eporediesi, Luca, Valeria ed Agnese, che la scorsa estate hanno visitato le missioni di Maimelane ed Inhassoro in Mozambico, in un viaggio organizzato congiuntamente dai responsabili delle pastorali giovanile e missionaria delle due diocesi di Ivrea e Vercelli.

 

 

Posted in News Vercelli | Commenti disabilitati

La Giornata Missionaria in missione…

 Da Inhassoro Caterina Fassio ci racconta la celebrazione della

GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE

Caterina Fassio, dalla missione vercellese di Inhassoro in Mozambico, ci ha inviato questo breve resoconto della celebrazione della Giornata Missionaria Mondiale 2014 nella Parrocchia di Sant’Eusebio.

"Stamattina abbiamo celebrato la giornata missionaria mondiale con una messa solenne. Abbiamo pregato per tutti i continenti, nella processione d’entrata 5 cartelli ci ricordavano di pregare per i popoli che  vivono in tutto il mondo.

 All’inizio della Messa Don Pio ha fatto una bella introduzione e con l’aiuto di un grafico situato ai piedi dell’altare ha illustrato la popolazione mondiale continente per continente e la percentuale di coloro a cui é giunta la notiza del Vangelo. Solo un quarto dell’umanità conosce Cristo.

 Cosa possiamo fare noi? questa é la domanda che ha lasciato ai presenti.

Durante l’offertorio sono stati presentati vari simboli: la candela, la luce della fede, la Bibbia, la Parola che illumina il nostro cammino, il mappamondo, per presentare tutto il mondo al Signore, tutte le gioie e le sofferenze di tutti i popoli della Terra, il Rosario missionario, perché Maria intercede in ogni attivitá missionaria…

  ...è stata una bella festa, in cui abbiamo ringraziato tutti i nostri collaboratori e benefattori per il continuo impegno prodigato e anche noi abbiamo ringraziato il Signore per la vocazione missionaria pregando che il Signore ci stia sempre accanto e ci aiuti a rinnovare ogni giorno il nostro umile si".

un caro saluto e un abbraccio, Caterina Fassio e don Pio Bono.

 

Posted in News Vercelli | Commenti disabilitati

L’hogar “Santa Maria de los Angeles” festeggia l’anniversario della fondazione

Festa grande all’hogar Santa Maria de los Angeles

Domenica 5 ottobre all’hogar Santa Maria de los Angeles di Santa Cruz de la Sierra in Bolivia si è festeggiato l’anniversario dell’hogar stesso. In Bolivia festeggiare è una delle attività nazionali. C’è una festa quasi per ogni realtà e categoria e da un paio di anni anche l’hogar Santa Maria ha la sua festa. Si è scelto di celebrarla nella prima domenica di ottobre per non perdere un giorno di scuola e rendere più solenne la domenica stessa, ma il riferimento liturgico è al giorno 2 ottobre solennità dei santi Angeli che insieme alla Vergine sono i protettori dell’Hogar. Padre Ottavio Sabbadin, il direttore non residente dell’hogar stesso era l’unico italiano presente alla festa essendo Marco Zanon, il volontario veneziano che per un triennio assicura la presenza italiana all’hogar, rientrato in Italia per un breve periodo di riposo. Ma questo non ha sminuito il clima di festa che si è respirato in quella giornata. Qui sotto alcune fotografie che l’amministratrice Liliana Velasquez Orosco ha fatto pervenire ai nostri uffici. Condividendole con i nostri amici vogliamo inviare un caro saluto agli amici boliviani augurando loro … cento di questi giorni!!!

Posted in News Vercelli | Commenti disabilitati

VEGLIA MISSIONARIA DIOCESANA

 

Posted in News Vercelli | Commenti disabilitati