Padre Giuseppe Fiore – Missionario della Consolata

 

Da Pezzana al Congo

Padre Giuseppe Fiore, nativo di Pezzana, ha iniziato gli studi nel seminario minore della diocesi vercellese ma poi, complice anche l’esempio dello zio padre Francesco Comoglio da una vita missionario della Consolata in Africa, dopo pochi anni, al termine del ginnasio, decise di diventare anche lui missionario della Consolata.Terminati gli studi e diventato sacerdote per padre Giuseppe inizia una vita in Africa, interrotta da solo da qualche periodo di servizio nella congregazione.

Oggi è parroco in un popoloso centro del nord-est del Congo: Neisu nella provincia orientale della Repubblica Democratica Congolese.

 
 Una foto ricordo davanti all’ospedale di Neisu  Una foto dal cortile dell’ospedale
   
 I dottori dell’ospedale di Neisu al lavoro…  il laboratorio di analisi dell’ospedale

La missione di Neisu è il centro di ben 106 cappelle, suddivise in dieci settori, che padre Giuseppe, coadiuvato da alcuni confratelli, visita regolarmente viaggiando in motocicletta dato che le strade della regione, prevalentemente collinare, non permettono di meglio. Il totale della popolazione affidatagli ammonta a 95.000 abitanti. Dove sorge la missione ci sono anche le scuole secondarie e un ospedale con annesso centro nutrizionale. Le scuole primarie di tutto il distretto sono ben 28, oltre a 2 scuole dell’infanzia gestite da una comunità di suore.

Nella regione non c’è la luce elettrica per cui sia la missione che l’ospedale funzionano grazie a dei gruppi elettrogeni. Una delle voci di spesa più importanti per il bilancio della missione sono proprio i carburanti il cui approvigionamento, visto lo stato della rete stradale è difficoltoso e dispendioso.

L’attività dei missionari è volta anche a preparare il terreno per il passaggio della gestione a sacerdoti africani. Proprio per questo, spiega con entusiasmo padre Giuseppe, si insiste presso la popolazione affinchè, pur nella povertà che caratterizza la regiona, vengano regolarmente messe in opera le tre questue:

  • quella per le opere, che sono le attività pastorali. la gestione delle scuole e dell’ospedale (150 posti letto).
  • quella per i restauri, nel senso che gli edifici che costituiscono il complesso delle opere devono essere oggetto di costante manutenzione.
  • quella per il sussidio ai sacerdoti, importante soprattutto in prospettiva quando  nella missione ci saranno sacerdoti africani.
Padre Giuseppe con un mezzo superecologico!!! Al lavoro….
Una celebrazione… Colla gente, sempre!

 

 Padre Giuseppe a Pezzana insieme ai coscritti… certi legami reggono le distanze tra continenti e tanto altro ancora!!!

 Per aiutare Padre Giuseppe

Pasre Giuseppe è un Missionario della Consolata. I canali con cui possiamo arrivare a lui per aiutarlo nelle sue opere sono quelli della sua Congregazione che riportiamo qui di seguito e che potete eventualmente verificare in Internet.

Ufficio Cooperazione (Missioni Consolata Onlus)

Corso Ferrucci 14

10138 TORINO

Orario 8,00-12,30/13,00-16,30

Sig Antonella Vianzone

tel 011/4400454

fax 011/4400411

Email: coopera@consolata.net

 

A completamento della documentazione relativa a come aiutare padre Giuseppe Fiore dai due seguenti link potete scaricare il pieghevole originale di:

 

 

Comments are closed.